Il sorriso di Anna

alle 14 di ieri il suo cuore ha cessato si battere. un ictus, mentre mangiava, lunedì scorso. una settimana di tempo per permettere a chi rimane di abituarsi, accettare, … difficile. perché anche se credi, anche se speri, chi muore lascia un vuoto.
e Anna lascia molti vuoti, a giudicare dalla chiesa stracolma.
io non la conoscevo bene, ma conoscevo il suo sorriso, un sorriso timido, riservato, dolcissimo, che partiva dagli occhi e le illuminava la figura, il sorriso con cui mi salutava sempre, con cui mi chiedeva notizie dei ragazzi, o di mia suocera.
da poco tempo avevamo iniziato a darci del tu e il buongiorno era diventato ciao, sempre con il sorriso.
non ci parlavamo, spesso, io e Anna. ma ci sorridevamo molto.
ed è quel sorriso che custodirò dentro di me, come parte di lei in me, il sorriso con cui la ricorderò e che voglio credere continui ad illuminarle gli occhi anche ora, angelo fra gli angeli.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in politica, storie dal borgo. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...